NEWS

19

Apr

Individuare e scegliere la giusta fiera

Individuare e scegliere la giusta fiera

Oggi la partecipazione alle fiere resta uno dei pilastri della comunicazione di marketing.

La pianificazione strategica di una fiera, oggi risulta il punto chiave, per ottimizzare il rapporto costo/benefici per gli espositori e ridurre il costo di contatto, cercando di migliorare il Roi (return on investment) della manifestazione fieristica.

Individuare e scegliere la giusta fiera al giorno d’oggi è certamente il primo e fondamentale step da fare, cercando di scegliere l’evento più consono alla strategia aziendale, in modo da evitare errori di penetrazione nei vari mercati e sostenere enormi costi difficilmente da recuperare.

Si deciderà a quale fiera partecipare, verificando alcune valenze della manifestazione:

  • IMPORTANZA – considerazione che gli addetti ai lavori hanno della manifestazione fieristica, dimensioni della fiera e notorietà che raggiunge sui mezzi di comunicazione.
  • AREA DI INFLUENZA – fiere locali, regionali, nazionali o internazionali; provenienza di espositori e visitatori, mercato più favorevole per un determinato prodotto.
  • EFFICACIA – idoneità della fiera per il raggiungimento degli scopi. Dipende da: periodo dell’anno in cui si svolge, qualità e quantità dei visitatori delle edizioni precedenti e da quanti parteciperanno.

ANALISI QUANTITATIVA E QUALITATIVA DEI VISITATORI

Di fondamentale importanza è il tipo ti fiera a cui si partecipa: B2B, B2C o Ibrida.

  • B2B – componente quantitativa bassa qualitativa alta;
  • B2C – componente quantitativa elevata a discapito di quella qualitativa;
  • Ibrida – elevato livello qualitativo per il primo periodo, per poi avere un innalzamento del livello quantitativo.

GENERALE

  • Economiche – in base al budget disponibile (prezzi m/q, stand, personale, …);
  • Concorrenza e presenza dei leader di settore e loro partecipazione alle precedenti edizioni, presenza di prodotti innovativi (più competitivi). Può essere utile per un confronto con i propri prodotti, per conoscere le novità e valutarne l’attualità in base alle preferenze dei visitatori.

Alle fiere non si va a cercare un cliente generico; se è indispensabile entrare in contatto con agenti, si dovrà impostare una comunicazione e una scelta di fiere coerenti con questo percorso; mentre, se ci si dovrà relazionare con utenti finali, allora si dovrà impostare tutto diversamente.

Questa considerazione spingerà quindi a scegliere la fiera che, per dimensione o per caratterizzazione, è più idonea al progetto di internazionalizzazione. Per ipotesi si può scegliere una fiera internazionale di grandi dimensioni oppure, in alcuni casi, può essere utile una manifestazione di natura secondaria ma che permetterà di contattare il livello di interlocutori più idoneo agli obiettivi di crescita dell’azienda.